Ritorna alla pagina News

Ritorno a scuola: perché scegliere il cotone bio per vestire i nostri bambini

Tra pochi giorni riaprono le scuole in tutta Italia e per i genitori ricominciano le consuete problematiche: i libri, gli zaini, i quaderni ed anche l’abbigliamento che è un fattore assolutamente da non sottovalutare. La scelta ideale è l’abbigliamento biologico bambini per motivi etici, ambientali e salutistici. Il cotone biologico, a differenza del cotone normale, risulta un vero alleato per la natura ed è particolarmente adatto alle pelli sensibili come quelle dei bambini. Per coltivare il cotone tradizionale vengono utilizzati diversi pesticidi che riducono la fertilità del suolo, inquinano le acque e compromettono le biodiversità provocando l’avvelenamento di animali selvatici. Diversamente il cotone biologico viene coltivato naturalmente senza fertilizzanti, inoltre le aziende produttrici sono attentamente controllate in quanto conseguono il marchio biologico solo dopo aver utilizzato colture prive di pesticidi per almeno 3 anni consecutivi. I coltivatori di cotone biologico usano fertilizzanti organici ed attuano una rotazione delle colture e gestione integrata delle specie nocive.

Una volta dimostrata l’eticità e l’animo “eco-friendly” del cotone biologico possiamo scoprire i vantaggi da un punto di vista salutare ed igienico. I bambini crescono rapidamente ma il loro sistema immunitario potrebbe non essere altrettanto veloce sviluppandosi più lentamente. Questa condizione è piuttosto comune in molti bambini e si sposa perfettamente con le caratteristiche tipiche del cotone biologico.

Innanzitutto il cotone biologico presenta delle fibre molto più morbide, poiché non vengono utilizzati i prodotti chimici impiegati invece nella lavorazione del cotone tradizionale. Il cotone biologico non è finito con la formaldeide, quindi rilascia un odore molto gradevole che non disturba. Il tessuto è ipo-allergenico e traspirante, quindi favorisce la traspirazione ed è ideale per quelle pelli soggette a dermatiti, allergie ed eczemi. La pelle di un bambino generalmente è più porosa e sottile di quella di un adulto, quindi assorbe più facilmente le sostanze con cui viene a contatto. Con il cotone biologico viene garantita una migliore termoregolazione e quindi anche la pelle del bambino respira meglio evitando rossori, pruriti ed irritazioni.

Bisogna considerare inoltre anche un aspetto puramente pratico: il cotone biologico presenta una notevole resistenza ai lavaggi continui ed allo sfregamento, assicurando anche una maggiore durata dei tessuti. Per acquistare capi intimi e vestiti bio bisogna verificare la presenza del marchio GOTS (Global Organic Textile Standard), che attesta l’effettiva biologicità di un indumento. Tale etichetta indica che per la realizzazione di quel capo sono state utilizzate fibre biologiche certificate per non meno del 95%, quindi sono presenti fibre sintetiche non biologiche al di sotto del 5%. Il cotone biologico è una scelta estremamente sana sia per i bambini sia per la difesa dell’ambiente circostante.